CODICE DEONTOLOGICO
DEL CONSIGLIO INTERNAZIONALE DEGLI INFERMIERI

REVISIONE 2021 - Ed. Italiana
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Compila il form per scaricare il Codice Deontologico
arrow&v

Clicca qui per scaricare

La Consociazione Nazionale delle Associazioni infermiere/i (CNAI), componente del Consiglio Internazionale degli infermieri (ICN) dal 1949, ha lanciato la nuova revisione del Codice Deontologico dell’ICN, nella edizione italiana. 

Questo Codice è usato come standard di riferimento a livello globale fin dal 1953 e si affianca e sostiene i Codici deontologici infermieristici dei diversi paesi. E’ il documento di riferimento  a livello globale che  afferma i valori etici, le responsabilità e le competenze professionali  degli infermieri e degli studenti infermieri e definisce e guida una  pratica etica infermieristica nei differenti ruoli che gli infermieri assumono. Pur non essendo un codice di condotta, può essere utilizzato come  quadro di riferimento e sostegno per la pratica infermieristica, in combinazione con le norme, la regolamentazione ed il Codice Deontologico degli infermieri previsti per l’esercizio professionale in Italia.

Dalle origini dell’assistenza infermieristica organizzata, avvenuta a metà  del 1800, il riconoscimento dell’assistenza infermieristica è profondamente radicato nelle tradizioni e nelle pratiche dell’equità e dell’inclusione; inoltre, in considerazione dell’unicità di ciascuno, gli infermieri hanno costantemente riconosciuto quattro responsabilità fondamentali:  1) promuovere la salute, 2) prevenire la malattia,  3) ristabilire la salute,  4) Alleviare la sofferenza e salvaguardare la dignità della morte. 

Proprio partendo da questi cardini – come Presidente CNAI – tengo ad evidenziare l’importanza di questo Codice per la sua visione anticipatoria rispetto ai cambiamenti negli ambienti di lavoro, alle sfide, ai problemi e ai dilemmi etici che il COVID-19 ha portato alla ribalta e rispetto agli scenari che si vanno a delineare per  futuro della professione e della salute. Il Codice, in particolare, evidenzia la necessità di proteggere e sostenere gli infermieri e garantire che abbiano la formazione e le risorse appropriate per fornire la massima qualità dell'assistenza.

L'edizione rivista del 2021 (tradotto e curato per CNAI  da Cecilia Sironi e Giliola Baccin, con  Lucia Mitello e Walter De Caro) ha quattro elementi principali che forniscono una struttura per la condotta etica: 1) gli infermieri e i pazienti o le persone che richiedono assistenza o servizi, 2) gli infermieri e la pratica, 3) gli infermieri e la professione, e 4) gli infermieri e la salute globale. 

Il Codice Deontologico ICN contiene anche ampie tabelle illustrative per assistere i professionisti infermeri ai diversi livelli (infermieri, infermieri leader e manager, infermieri insegnanti e ricercatori, associazioni infermieristiche) a tradurre gli standard delineati in azioni concrete.

Meritano particolare notazione alcuni aspetti del Codice, come l’attenzione alla evidence informed practice  per fornire la assistenza di alta qualità combinando  le migliori ricerche disponibili in combinazione con le esperienze e le competenze dell'organizzazione per adattarsi al meglio alla popolazione servita ed al contesto di riferimento, l’attenzione al futuro dell’assistenza sanitaria, alla digitalizzazione, alla robotica, alla gestione dei contenuti informativi, alla riservatezza el trattamento delle informazioni sanitarie;  una intera sezione è dedicata alla professione infermieristica e la salute globale, fornendo elementi utili per il cambiamento climatico, le pandemie, le disuguaglianze, il diritto alla salute e all’accesso all’assistenza sanitaria che mai come ora probabilmente sono state più prominenti e più importanti nel delineare gli scenari di sostenibilità e di futuro del sistema salute. 

1codice dentologico_ICN_CNAI_2021.jpg