L’ICN dichiara che la protezione e la sicurezza degli infermieri e di tutti gli operatori sanitari i


Ginevra, Svizzera, 25 febbraio 2022 - Il Consiglio Internazionale degli Infermieri (ICN) e i suoi oltre 130 membri in tutto il mondo sono solidali con la popolazione, gli infermieri e tutti gli operatori sanitari coinvolti nel conflitto in Ucraina. L’ICN afferma che la protezione e la sicurezza degli infermieri e di tutti gli operatori sanitari è fondamentale.

Qualsiasi attacco nei confronti degli operatori sanitari o delle strutture sanitarie va contro la protezione per loro sancita dai regolamenti internazionali e dalla Convenzione di Ginevra ed è un affronto contro l’umanità.

L’ICN è in contatto con i nostri colleghi infermieri nella regione e sta facendo ogni sforzo per collegarsi con gli infermieri in Ucraina per offrire sostegno e solidarietà e condividere i loro messaggi con il mondo.

La Presidente dell’ICN Pamela Cipriano ha dichiarato: "Siamo estremamente preoccupati per la situazione in Ucraina e i nostri cuori sono con tutte le persone coinvolte nel conflitto, comprese i nostri infermieri e tutti gli operatori sanitari che ancora una volta si trovano in prima linea in un'altra crisi umanitaria.

'La protezione e la sicurezza degli infermieri e dei servizi sanitari sono fondamentali e sanciti dal diritto internazionale. Chiediamo a tutte le parti coinvolte nel conflitto e alla comunità internazionale di fare tutto ciò che è in loro potere per proteggere la sicurezza degli infermieri che spesso si mettono in pericolo mortale per garantire l’assistenza. L'accesso all'assistenza sanitaria e il rispetto delle regole dell'assistenza umanitaria devono rimanere una priorità per tutte le parti coinvolte mentre vediamo città sotto attacco e decine di migliaia di persone sfollate".

Il CEO dell’ICN Howard Catton ha aggiunto: "Siamo profondamente preoccupati per la situazione sul terreno in Ucraina e abbiamo contattato i nostri colleghi infermieri nell’area sono in circostanze enormemente caotiche e spaventose. Continueremo a cercare di connetterci con loro e far arrivare i loro messaggi al mondo.

Gli infermieri e gli operatori sanitari sono una forza positiva rivolta alla guarigione e la riconciliazione. I principi dell'imparzialità dell'assistenza sanitaria e della neutralità medica e infermieristica sono molto più forti di qualsiasi differenza tra le persone. Qualsiasi attacco a un ospedale o a una struttura sanitaria non solo va contro il diritto internazionale, ma è un affronto all'umanità. Ricordiamoci che i principi dell'infermieristica moderna sono nati in Crimea, durante la Guerra di Crimea più di 150 anni fa. Quando proteggiamo il lavoro e l'imparzialità degli infermieri e di tutti gli operatori sanitari, manteniamo la nostra umanità affinchè continui a brillare nella comunità infermieristica globale.. Abbiamo ricevuto molti messaggi di sostegno dalle nostre Associazioni infermieristiche per i nostri colleghi in Ucraina, non da ultimo e in modo toccante dall'Associazione Infermieristica della Russia.

La presidente dell'Associazione Infermieristica della Russia, Valentina Sarkisova ha condiviso questo messaggio con ICN:

"L'Associazione Infermieristica della Russia con tutti gli infermieri del mondo sono estremamente preoccupati per quanto stanno vivendo i nostri colleghi. La politica è lontana dall'infermieristica e i conflitti armati sono opposti agli elementi definitori della nostra professione. Non ci sono altri professionisti che hanno a cuore la vita e la salute quanto gli infermieri. Insieme a tutto il mondo, speriamo in una rapida risoluzione di tutti i conflitti e in un ritorno a una vita normale e pacifica. Crediamo che nessuno scontro politico possa intaccare la funzione degli infermieri. Con tutti noi stessi, ci auguriamo che non si perdano altre vite e che tutte gli infermieri tornino a operare in un ambiente pacifico e sicuro".

LA CNAI è estremamente rattristata nel vedere gli attacchi devastanti, per questo inaudito percorso di spargimento di sangue e distruzione con un attacco non provocato verso l'Ucraina.

Siamo vicini a tutti alla popolazione ucraina e ai tanti cittadini ucraini presenti in Italia che con loro lavoro partecipano anche ai nostri servizi sanitari e assistenziali, e sono preoccupati per la loro famiglia e i loro amici a casa.

63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti